Dante Alighieri a Verona

Il padre della lingua italiana è ospite a Verona della famiglia della Scala tra il 1312 ed il 1320 per lunghi periodi durante il suo esilio. Verona sarà infatti il “primo rifugio e’l primo ostello” dopo aver lasciato Firenze. Dante, che è profondamente calato nella vita pubblica e culturale della città, ci accompagna alla scoperta dei luoghi più suggestivi del centro medievale.

In compagnia del Poeta

Passeggiando tra le vie della città antica scoprirete i palazzi scaligeri, le chiese, le strade e le piazze dove Dante Alighieri ha vissuto e dove ha trovato l’ispirazione per alcune delle sue opere immortali. E’ a Verona  dove le lotte tra le fazioni politiche avverse del suo tempo sono state rese immortali dalla triste storia di Romeo e Giulietta.

Vieni a veder Montecchi e Cappelletti
Monaldi e Filippeschi, uom senza cura
color già tristi, e questi con sospetti 
(Purgatorio VI)

Dove

Certamente Le Arche Scaligere sono un buon punto di partenza per un primo incontro con il Poeta. Dante dedica  il Paradiso proprio a Cangrande Della Scala, Signore di Verona, sepolto nell’arca proprio sopra l’entrata di Santa Maria Antica, chiesa privata della Famiglia Scala. Inoltre fa parlare Cacciaguida, suo trisavolo, che nel canto XV predice gli eventi, l’esilio da Firenze, l’accoglienza a Verona. E proprio a Verona ci sono vari luoghi che ricordano la presenza del sommo poeta. E’ suffciente passare nel chiostro del Duomo per trovare la targa che lo ricorda alla chiesetta di Sant’Elena. Qui Dante discute la Quaestio de aqua et terra insieme ai canoniciOppure nella Chiesa di Santa Maria della Scala, la chiesa frequentata dai signori della Scala. Altro luogo dove sicuramente Dante è più volte passato, piazza dei Signori o piazza Dante.

Suggerimenti

L’itinerario Dante a Verona è rivolto ad un pubblico amante della letteratura. Prevedere l’entrata alla chiesa di Sant’Elena.

 info@guideverona.net 

+39 3398875599